Questo sito utilizza i cookie, se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo di essi.

logo creare con semplicita

primo romanzo serio

Passare dagli Harmony ad un romanzo più completo è un salto che prima o poi andava fatto. Ho scelto come primo romanzo “Il giardino degli incontri segreti” di Lucinda Riley senza conoscere esattamente a cosa andavo incontro e che autrice fosse. Ammetto che sono rimasta basita dall’enorme differenza fra le due tipologie di romanzi. Gli Harmony che ho letto sino ad ora sono stati veloci, leggeri e sognanti, questo libro in particolare è stato molto lungo, intrecciato e poco carismatico. La storia è molto lunga e complessa, nel suo insieme è molto interessante, ma quello che, secondo me è mancato, è il centralismo della storia d’amore dei due protagonisti, Kit e Julia. Il romanzo si basa su intrecci amorosi che incatenano i protagonisti al passato e nel contempo stesso li liberano nel presente. Il modo di scrivere dell’autrice è singolare, non so se lo ha utilizzato solo in questo romanzo in particolare oppure è il suo modus operandi, ma ha saputo coniugare momenti di storia passata a quella contemporanea infilandoci persino una leggenda e momenti raccontati in prima persona dalla protagonista, anche se senza eccessivo sentimentalismo. Tutto il racconto in se non mi è parso intriso di sentimenti emozionanti, sembra piuttosto un insieme di racconti dei fatti cosi come sono avvenuti, senza un particolare coinvolgimento passionale. Non vorrei fare dello spoiler (i dettagli della trama sono raccontati poco sotto), ma devo ammettere che Lucinda Riley ha davvero molta fantasia. Il romanzo in se si legge bene, scorre e non annoia eccessivamente, ma resta deludente se uno si aspetta l’amore passionale e travolgente della coppia. Kit è un personaggio semplice come tanti uomini al mondo, è affascinate a modo suo, ma non è il tipico miliardario, virile con il fisico perfetto e il fare sicuro, mostra senza dubbio le giuste vulnerabilità che un uomo qualsiasi potrebbe mostrare, è ironico al punto giusto (qualità che personalmente apprezzo in un uomo) ed è molto comprensivo. Julia è una donna fragile, ma al contempo molto forte e risoluta nelle sue decisioni, la storia con Kit è stata fin troppo rapida, nemmeno il tempo di vedersi che si sono già formati come coppia stabile. In pratica manca tutta la fase del corteggiamento passionale e timoroso che di solito ho incontrato negli Harmony. In conclusione, non mi azzardo senza dubbio a leggerlo di nuovo.

recensione e trama completa

primo romanzo serioIL GIARDINO DEGLI INCONTRI SEGRETI (Hothouse Flower) di Lucinda Riley

"Da bambina Julia Forrester ha trascorso molte ore felici nell'incantevole tenuta di Wharton Park, dove suo nonno coltivava con passione le specie più rare ed esotiche di fiori. Quando un terribile incidente sconvolge la sua vita, Julia, ormai bella e affermata pianista, torna istintivamente nei luoghi della sua infanzia, nella speranza che la aiutino a capire che direzione prendere, come è avvenuto in passato. Da poco, la tenuta di Wharton Park è stata rilevata dall'affascinante e ribelle Kit Crawford, che durante i lavori di ristrutturazione ha trovato un diario datato 1940, forse appartenuto al nonno di Julia. E mentre con l'avanzare dell'inverno la tensione tra Julia e Kit cresce di ora in ora, Julia si rivolge alla nonna Elsie per scoprire quale verità si nasconda dietro quelle pagine annotate. Ed è così che un terribile segreto sepolto per anni viene alla luce, un segreto potente, che ha quasi distrutto Wharton Park e che è destinato a cambiare per sempre anche la vita di Julia."

La trama si intreccia con due racconti, una nel presente, fra Julia e Kit che vivono la loro storia d'amore senza troppi giri di parole e una nel passato, che lega i protagonisti al futuro. Julia, una pianista di fama, sta attraversando un periodo buio della sua vita poichè marito e figlio di quasi tre anni sono morti in un incidente stradale e decide di sfogare il lutto tornando nel Norfolk, la sua terra patria. Nel suo tormento incontra Kit, una conoscenza della sua infanzia ed è subito amore anche se lei all'inizio resta un po' titubante, appunto per il lutto che porta. Il centro della storia però non è esattamente quello che si racconta di Julia e Kit, ma del passato tortuoso di Julia che la lega alla tenuta Wharton Park esattamente come è legato Kit per diritto di eredità. Quindi già si intuisce che fra idue c'è anche un legame di sangue.

La storia della tenuta Wharton Park narra di Olivia ed Harry al tempo della seconda guerra mondiale. Lui è il primo erede della tenuta più prestigiosa del Norflok e lei è una semplice ragazza che piace alla madre Adrienne e che per sua richiesta lui sposa prima di andare in guerra. Olivia è innamorata di Harry e accetta volentieri di sposarsi e di farsi carico della gestione della tenuta, quando lui sarà assente, è convinta che anche lui ricambia gli stessi sentimenti e anche se un episodio increscioso di omosessualità ha rabbuiato la figura del neo marito, non cede allo sconforto e si aggrappa all’amore. Harry dopo la guerra e 4 lunghi anni di prigionia viene liberato e portato in Thailandia per riprendersi prima del lungo viaggio verso l’Inghilterra dove Olivia, la sua amata moglie lo aspetta a braccia aperte anche se purtroppo perse il loro figlio, l’erede della tenuta, quando lui era in guerra. Harry impara ben presto il gusto della libertà e non solo della guerra e dei doveri ad essa legati, dato che lui non ha mai agito per se stesso, ma per volere del padre. Assapora anche la bellezza del paese e si innamora per la prima volta nella sua vita di Lidia, una cameriera dell’albergo in cui alloggia per la ripresa post guerra. Fra i due divampa il vero amore e nonostante le tradizioni diverse del paese di Lidia, rispetto alla fredda terra inglese, consumano il loro amore senza alcuna esitazione. Lidia però è ignara che Harry in realtà è già sposato e che una volta tornato in Inghilterra non poteva offrirle un futuro insieme, crede che la loro storia sia per sempre. Harry dal canto suo sembra davvero intenzionato a sottrarsi ai suoi doveri inglesi, dalla gestione della tenuta per il quale non si è mai sentito tagliato, al matrimonio combinato con Olivia pur di stare per sempre con lei, era disposto a vivere in Thailandia. Un’amara sorpresa però attendeva Harry, quando decise di tornare in Inghilterra per porre fine alla sua infelicità e per inseguire il suo amore Lidia, scoprì che il padre era molto malato. Senza un erede, la tenuta avrebbe lasciato senza lavoro decine di famiglie e avrebbe ucciso anche la fragile Adrienne, che senza Olivia non sarebbe mai stata in grado di portare avanti la baracca in tutto quel tempo di guerra. Sconsolato prese la decisione di mentire a tutti e di mantenere comunque una doppia vita con Lidia attraverso delle lettere che, con complicità di Bill, il suo giardiniere e migliore amico, spediva ogni giorno alla sua amata. Ben presto però dovette fare i conti con il suo egoismo, Lidia era scomparsa e mandò Bill a cercarla fino in Thailandia, di nascosto da Olivia. Bill scoprì che Lidia aveva partorito una bellissima bambina, Jasmine. Bill e Lidia si scambiarono promesse, Lidia avrebbe dato la sua bambina a Bill per portarla ad Harry perché crescesse con possibilità che lei non avrebbe mai potuto darle benché era povera e malata, forse non sarebbe nemmeno sopravissuta, Bill le promise che avrebbe protetto quella bambina ad ogni costo, ma non raccontò mai nulla a Lidia del motivo per cui lui si trovava in quella terra sfarzosa di profumi e colori, lui era li per dirle addio da parte di Harry. Abbreviando la storia, Jasmine rimase con Bill ed Elsie per volere obbligato di Olivia che scopri la storia e perse il bambino che portava di nuovo in grembo. Aveva minacciato Bill di cacciarli via dalla sua terra, se solo avesse detto ad Harry che quella bambina era sua figlia e che Lidia doveva risultare morta. Ovviamente fra Olivia ed Harry l’amore non c’era e non c’è mai stato, facendo chiudere Olivia in un lutto perpetuo e facendola diventare arcigna. Harry divenne un uomo infelice e quando per puro caso capì che la bambina che saltellava nella sua tenuta non era la figlia adottiva dei suoi giardinieri, morì di crepacuore.

I segreti non tramontano solo con il passato di Julia, ma anche di Alicia, la sorella maggiore, che pare essere stata adottata e quindi di diritto non le spetta nulla della ricchezza. I colpi di scena però non finiscono qui, Xavier, il marito di Julia non è affatto morto. Dopo un anno di vagabondaggio torna a Parigi dove trova la moglie che, casualmente, era decisa a tornare per porre fine al passato. Ovviamente questa entrata in scena rompe l'unione con Kit e confonde i sentimenti di Julia. Xavier racconta di come ha scampato l'incendio in seguito all'incidente e di come si è sentito vigliacco per essere fuggito e non aver salvato il figlio che forse poteva essere ancora vivo prima di essere carbonizzato. Julia rimase schifata e in Xavier non ritrova più il marito che ha tanto amato, ma solo un'ombra. Il lieto fine fra kit e Julia è quindi assicurato.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


about meGirardi Ambra è l'autrice di Creare Con Semplicità, una creativa (quasi) poliedrica a cui piace sperimentare tutto quello che si può fare con le mani raccontandolo con semplicità. Vive in una città frenetica come Milano, è una moglie e una mamma felice a cui piace il saper vivere con umiltà! Per saperne di più, continua a leggere...

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi sia utile a qualcuno, condividilo su però ricorda che questa è un opera distribuita sotto licenza creative commons pertanto rispetta le condizioni d'uso per non danneggiare il mio lavoro e per permetterne la continuità.